torna indietro
sab 12 set
Teatro alla Cartiera, Rovereto
22.00
 
Michele Abbondanza
Antonella Bertoni
Compagnia Abbondanza/Bertoni - Italia
 

Hyenas - Forme di minotauri contemporanei

Biglietto unico 10 
Under 26 5 





Vige una certa classicità nel discorso tutto contemporaneo sulla danza portato avanti da quasi trent’anni da Michele Abbondanza e Antonella Bertoni con la loro compagnia di base a Rovereto. Classicità nelle fonti (Alcesti, Medea, Figli d’Adamo, Spartacus), nella forma e nelle unità di narrazione, passata di moda secondo alcuni, dediti più all’esaltazione del processo che alla realizzazione di un prodotto compiuto e coerente. La classicità di Abbondanza/Bertoni è di quelle però in cui si innesta l’oggi, l’acuta osservazione della realtà trasposta in un teatrodanza di chiara scuola e discendenza, fatto proprio negli anni e modulato a seconda dei progetti e dei cicli tematici di indagine. Non si scosta da questa linea il loro ultimo lavoro Hyenas, seconda tappa del progetto triennale Hybrid, dopo Clown Time, nel quale Michele e Antonella esplorano il rapporto tra l’umano e la bestia.

Definito dai creatori “un pezzo per cinque minotauri” (ecco nuovamente la classicità), Hyenas è un discorso intorno al volto, alla faccia o meglio alla ‘facciata’ che nasconde e maschera. Lo spettacolo traspone l’idea del minotauro classico - uomo con testa di toro - in uomo/donna del Terzo Millennio con testa di pecora. Ma, come ricorda il titolo, con carattere da iena. L’idea è di mettere in scena una sorta di festa, un rave, in cui un piccolo gruppo di persone si mostrerà nello spensierato agire mondano. Tanto da perdere il controllo, tanto da mettere in mostra la parte più profonda di sé, smascherandosi. Da capire, con la visione al debutto, chi siano veramente questi minotauri contemporanei secondo gli autori. Un gruppo di eletti? Uomini e donne vigliacchi, viziati e potenti?

La coreografia fa coesistere sul palco i cinque danzatori senza mai toccarsi, nel rispetto delle norme vigenti contro il Covid, a testimonianza del momento storico in cui il pezzo è stato creato. Tutti in scena porteranno una maschera, per fini drammaturgici. Una maschera, che è un vero e proprio calco delle teste dei danzatori con fattezze da pecora, frutto della fantasia dell’artista bulgara Nadezhda Simeonova incaricata del camuffamento.


Di Michele Abbondanza e Antonella Bertoni
Coreografie in collaborazione con i danzatori Marco Bissoli, Sara Cavalieri, Cristian Cucco, Ludovica Messina, Francesco Pacelli e Eleonora Chiocchini
Disegno luci e direzione tecnica Andrea Gentili
Musica e collaborazione al progetto Tommaso Monza
Collaborazione alla drammaturgia Danio Mafredini
Realizzazione maschere Nadezhda Simeonova
Esecuzione tecnica Claudio Modugno
Organizzazione Dalia Macii
Amministrazione e ufficio stampa Francesca Leonelli
Produzione Compagnia Abbondanza/Bertoni
Con il sostegno di MIBACT - direzione generale per lo spettacolo dal vivo, Provincia Autonoma di Trento – Servizio Attività Culturali, Comune di Rovereto - Assessorato alla Aultura, Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto
Durata 60’


abbondanzabertoni.it


Crediti foto Claudia Rossi Valli, Tommaso Monza, Matteo Festi